Bando per 50 laureati per lavorare nel settore di servizi cultura e turismo a L’Aquila

Scadenza: 19/03/2019
Fonte: MiBAC e agcult.it
E’ indetto un bando per la selezione di giovani laureati che verranno formati mediante un corso di 32 ore, concentrato in quattro giorni, al quale seguirà un’esperienza lavorativa retribuita di 6 mesi.
Il percorso formativo preliminare, aperto ad un numero massimo di 50 partecipanti, prevede un rimborso spese individuale di 240 euro, da erogarsi sulla base di adeguati giustificativi. Al corso seguirà la stipula di un contratto di collaborazione a regime di prestazione occasionale della durata di sei mesi, per 16 giovani, individuati dalla graduatoria di merito stilata al termine dell’attività di formazione da un’apposita Commissione.
La domanda di candidatura, indirizzata al Polo Museale d’Abruzzo, dovrà pervenire allo stesso entro e non oltre le ore 14 di martedì 19 marzo 2019, mediante posta raccomandata A/R o corriere o consegna a mano presso MuNDA – Museo Nazionale d’Abruzzo, Via Tancredi da Pentima snc, L’Aquila CAP 67100; ovvero a mezzo posta elettronica all’indirizzo pm-abr@beniculturali.it specificando l’indicazione del bando nell’oggetto della mail.

L’iniziativa si propone di dare un’opportunità a giovani laureati che desiderano lavorare con professionalità nel settore dei servizi della cultura e del turismo sostenibile in un contesto ed in un momento cruciale per dare un nuovo impulso al territorio aquilano. Il percorso formativo genererà le competenze adeguate ed arricchirà quelle di chi già lavora nel settore. Si favorirà inoltre la possibilità per i corsisti di ottenere un contratto di lavoro. Al termine del percorso, infatti, i vincitori potranno puntare sugli ambiti dei percorsi culturali sostenibili, fattori di sviluppo economico fortemente connessi con le politiche territoriali. Le competenze professionali specifiche acquisite saranno spendibili in un ambito integrato. Questo grazie al partenariato di supporto e alla rete di relazioni al centro della quale di troverà durante l’intera esperienza.

IL PROGETTO: CARATTERISTICHE E FINALITÀ

Durante il percorso formativo preliminare previsto dal progetto, i vincitori riceveranno un rimborso spese individuale di 240 euro, da erogarsi sulla base di adeguati giustificativi. Al corso seguirà la stipula di un contratto di collaborazione a regime di prestazione occasionale della durata di sei mesi. I contratti di collaborazione sono previsti per 16 giovani, individuati dalla graduatoria di merito stilata al termine dell’attività di formazione da un’apposita Commissione. Il contratto avrà un compenso di 5 mila euro al lordo.

I primi 16 vincitori nella graduatoria di merito, stipulati i relativi contratti, infatti, vedranno loro assegnato un Project Work da parte del Comitato Scientifico. Ogni contrattista avrà un tutor, interno al Polo o all’Associazione D-MuNDA con il quale concorderà le modalità di monitoraggio e valutazione delle esperienze e le attività mensili. Mansioni prioritarie saranno attività di accoglienza e gestione Info Point o attività di visite guidate e promozione dei luoghi della cultura di L’Aquila – Città d’Arte.

Al termine del percorso, i vincitori del bando potranno puntare sugli ambiti dei percorsi culturali sostenibili, fattori di sviluppo economico fortemente connessi con le politiche territoriali. Le competenze professionali specifiche acquisite saranno spendibili in un ambito integrato, grazie al partenariato di supporto e alla rete di relazioni al centro della quale di troverà durante l’intera esperienza.

REQUISITI

Potranno partecipare coloro che non abbiano compiuto il trentesimo anno di età alla data di presentazione della domanda. Requisiti professionali richiesti sono una laurea magistrale in Archeologia, Conservazione dei beni architettonici e ambientali, Storia dell’arte, Conservazione e restauro dei beni culturali, Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale, Filologia moderna o Filologia, letterature e storia dell’antichità.
Si richiede inoltre la conoscenza di almeno una lingua straniera.

Titoli valutabili sono anche certificazioni linguistiche e il patentino per l’esercizio della professione di guida turistica nella Regione Abruzzo, con regolare iscrizione nell’elenco regionale delle Guide Turistiche. Pregressa esperienze, di almeno tre anni, in attività culturali e didattiche e la partecipazione al Servizio Civile Nazionale in collaborazione con il Mibac (bando 2017) saranno valutati allo stesso modo. Inoltre, titoli valutabili sono anche esperienze in tirocini formativi nei settori turismo, tutela e valorizzazione dei beni culturali, promozione e valorizzazione del territorio. Conterà anche una pregressa esperienza lavorativa, con enti o aziende, pubblici e privati, nei settori dei beni culturali, servizi per la cultura, gestione, tutela e valorizzazione del patrimonio.

CRITERI E MODALITÀ DI SELEZIONE

Saranno valutati i titoli posseduti, la lettera motivazionale ed il colloquio di verifica delle competenze. Quest’ultimo peserà per il 40% sulla valutazione finale così come il curriculum dei candidati. La lettera motivazionale peserà invece per il 20% della valutazione.

Il 21 marzo sarà pubblicata sul portale del Polo Museale d’Abruzzo la graduatoria degli ammessi al corso che prenderà avvio il 26 marzo.

Documentazione:

Bando L'Aquila - Città d'ArteBando L’Aquila – Città d’Arte
(documento in formato pdf, peso 3225 Kb, data ultimo aggiornamento: 06 marzo 2019)

Allegato_1Allegato_1
(documento in formato pdf, peso 775 Kb, data ultimo aggiornamento: 06 marzo 2019)

Allegato_2Allegato_2
(documento in formato pdf, peso 283 Kb, data ultimo aggiornamento: 06 marzo 2019)

Allegato_3Allegato_3
(documento in formato pdf, peso 883 Kb, data ultimo aggiornamento: 06 marzo 2019)

2 pensieri riguardo “Bando per 50 laureati per lavorare nel settore di servizi cultura e turismo a L’Aquila

  • 12 Marzo 2019 in 10:43
    Permalink

    Richiesta la laurea LM-10, Conservazione dei Beni Architettonici e Ambientali.. un architetto specializzato in Beni Architettonici e del Paesaggio non puo’ partecipare….

    Risposta
    • 18 Marzo 2019 in 18:49
      Permalink

      Avete messo il limite d’età a 30 anni…il ministero non fa bandi da decenni…e tutti quelli che si sono laureati e hanno lavorato gratis, fino ad ora passando chiaramente l’età limite ????

      Risposta

Rispondi a LUCA Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.